CANZONE DEL MIGRANTE DA ERNESTO LAURINI

Estratto da http://www.istrianet.org/istria/people/memories/11settembre1951.htm

 

Riprendiamo da La Voce del Canada, il bollettino pubblicato sulla motonave "Generai S.D. Sturgis " I' II settembre 1951, questa semplice ma allo stesso tempo commovente poesia composta da Ernesto Laurini.

Ernesto Laurini sulla motonave "General S.D. Sturgis", settembre 1951

Croce...era

Semo (a chi?) 1.500 giovani e forti
e dopo 8 giorni non semo ancora morti
8 giorni de lunga crociera
8 giorni tutto in fame era
Luganighe polastri tuto per noi
ma quante volte te go pensÓ, mia pasta e fasoi
ComoditÓ, ospedal, doccie e bar
ma in questo ultimo solo due volte me son riuscý sentar

Semo 1.500 giovani e forti e no semo ancora morti
Coraggio fioi che semo arrivai
ancora un poco e po gavemo i bocai (ma de bira)
gpente pi¨ pirole, gnente gatini, gnente papette
ma solo fiaschi de vin, leti a un pian e belle pupette.
E adesso per serar addio mia bella barca a vapor
e addio anche a ti mia bella Capra (!)
che gaver˛ sempre in tel cor.

Estratto da: